In uscita il primo volume della nuova collana
'Geographia Evangelica'


L’Archivio di Propaganda Fide conserva documenti di notevole valore storico che arricchiscono le fonti primarie della storia d’Albania, gettando luce sui rapporti strettissimi tra la Santa Sede e l’altra sponda dell’Adriatico. Il convegno L’Albania nell’Archivio di Propaganda Fide, che si è tenuto presso la Pontificia Università Urbaniana nei giorni 26-27 ottobre 2015, fa seguito, diverse decadi dopo, ai convegni che lo studioso Ernesto Koliqi organizzava con l’Istituto di Studi albanesi presso l’Università di Roma “La Sapienza” e agli studi e dalle pubblicazioni promosse e guidate da Josef Metzler, tra cui spicca l’opera monumentale Sacrae Congregationis de propaganda fide memoria rerum, pubblicata in occasione del 350° anniversario di fondazione della Congregazione.

La storia delle missioni di Propaganda Fide si intreccia strettamente con il passato storico dell’Albania. Non si tratta di una storia evenemenziale, ma di sequenze infinite di vita vissuta attraverso l’opera di centinaia di umili missionari. Questi, rimasti spesso ignoti alla “grande” storia, hanno scolpito pazientemente i tratti salienti di una nazione moderna che con l’avvento dell’indipendenza è entrata a far parte di nuovo della famiglia europea.

Questo volume inaugura la nuova collana “Geographia Evangelica” destinata a presentare contributi di studio e ricerche che aiutino a comprendere sia il senso di universalità dell’evangelizzazione, sia i percorsi storici della sua missione nel mondo, anche in vista della celebrazione, nel 2022, del IV centenario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli (Propaganda Fide).

[L'Albania nell'Archivio di Propaganda Fide, a cura di Ardian Ndreca - in uscita luglio 2017]